Bilancio


Bilancio 2019

La raccolta premi diretta ed indiretta ammonta a 272.571 migliaia di Euro al 31/12/2019 contro i 260.650 migliaia di Euro registrati al 31/12/2018, pari ad un incremento del 4,6%.

La sinistrosità al netto delle cessioni è in peggioramento; il rapporto S/P passa dal 42,8% del 2018 all’attuale 43,8%,tale flessione è da ricondurre sia al lavoro diretto, sia al lavoro indiretto.

Le provvigioni e le spese di acquisizione rapportate ai premi di competenza conservati risultano allineate rispetto allo scorso esercizio, con un’incidenza del 39,1% (39,0% al 31/12/2018).

Quanto avvenuto ha determinato nel 2019 un risultato tecnico di 29.000 migliaia di Euro contro i 23.378 migliaia di Euro del 2018 (+24,0%).

Il risultato pre imposte ammonta a 31.783 migliaia di Euro contro i 23.310 migliaia di Euro del 2018 (+36,3%); il risultato dopo le imposte, del 2019 ammonta a 23.335 migliaia di Euro contro i 17.304 migliaia di Euro del 2018 (pari ad un incremento del 34,9%) con un’incidenza sui premi di competenza conservati del 10,1% (7,8% al 31/12/2018)


Bilancio 2018

La raccolta premi diretta ed indiretta ammonta a 260.650 migliaia di Euro al 31/12/2018 contro i 239.930 migliaia di Euro registrati al 31/12/2017, pari ad un incremento del 8,6%.

La sinistrosità al netto delle cessioni è in miglioramento; il rapporto S/P passa dal 46,2% del 2017 all'attuale 42,8%. Il miglioramento si registra sia per il lavoro diretto, per effetto favorevole di mix tra i vari business e rami, sia per il lavoro indiretto.

Le provvigioni e le spese di acquisizione rapportate ai premi di competenza conservati crescono rispetto allo scorso esercizio (+17,5%), in conseguenza del maggiore carico provvigionale sul lavoro diretto nel mercato Travel e Finanziarie, correlato all'incremento della raccolta premi.

Quanto descritto ha determinato nel 2018 un risultato tecnico di 23.378 migliaia di Euro contro i 22.377 migliaia di Euro del 2017 (+4,5%).

Il risultato pre imposte ammonta a 23.310 migliaia di Euro contro i 25.947 migliaia di Euro del 2017 (-10,2%); il risultato dopo le imposte, del 2018 ammonta a 17.304 migliaia di Euro contro i 19.333 migliaia di Euro del 2017 (pari ad un decremento del 10,5%) con un'incidenza sui premi di competenza conservati del 7,8% (9,6% al 31/12/2017).


Bilancio 2017

La raccolta premi diretta ed indiretta ammonta a 239.930 migliaia di Euro al 31/12/2017 contro i 227.227 migliaia di Euro registrati al 31/12/2016, pari ad un incremento del 5,6%.
La sinistrosità al netto delle cessioni è in peggioramento; il rapporto S/P passa dal 43,4% del 2016 all’attuale 46,2%. Il peggioramento deriva, principalmente, dall’effetto di mix che vede prevalere l’impatto di contratti a minor marginalità rispetto ai contratti in run-off caratterizzati da maggiore marginalità.
Le provvigioni e le spese di acquisizione rapportate ai premi di competenza conservati diminuiscono rispetto allo scorso esercizio (-7,6%), in conseguenza del minore carico provvigionale sia sul lavoro diretto che sul lavoro indiretto.
Quanto descritto ha determinato nel 2017 un risultato tecnico di 22.377 migliaia di Euro contro i 24.962 migliaia di Euro del 2016 (-10,4%).
Il risultato pre imposte ammonta a 25.947 migliaia di Euro contro i 28.278 migliaia di Euro del 2016 (-8,2%); il risultato dopo le imposte, dal 2017 si beneficia della riduzione di aliquota Ires al 24%, ammonta a 19.333 migliaia di Euro contro i 19.858 migliaia di Euro del 2016 (pari ad un decremento del 2,6%) con un’incidenza sui premi di competenza conservati del 9,6% (9,6% al 31/12/2016).


Bilancio 2016

La raccolta premi diretta ed indiretta ammonta a 227.227 migliaia di Euro al 31/12/2016 contro i 206.671 migliaia di Euro registrati al 31/12/2015, pari ad un incremento del 9,9%.

La sinistrosità al netto delle cessioni è, sostanzialmente in linea, con il periodo precedente; il rapporto S/P passa dal 43,2% del 2015 all’attuale 43,4%.

Le provvigioni e le spese di acquisizione rapportate ai premi di competenza conservati aumentano leggermente rispetto allo scorso esercizio (+1%), in conseguenza del maggiore carico provvigionale sul lavoro diretto.

Quanto descritto ha determinato nel 2016 un risultato tecnico di 24.962 migliaia di Euro contro i 22.813 migliaia di Euro del 2015 (+9,4%).

Il risultato pre imposte ammonta a 28.278 migliaia di Euro contro i 25.496 migliaia di Euro del 2015 (+10,9%); il risultato dopo le imposte ammonta a 19.858 migliaia di Euro contro i 15.728 migliaia di Euro del 2015 (pari ad un incremento del 26,3%) con un’incidenza sui premi di competenza conservati del 9,6% (8,2% al 31/12/2015).

Relazione sulla Solvibilità e Condizione Finanziaria 2019

In base al nuovo regime di solvibilità SolvencyII,le compagnie di assicurazione e riassicurazione hanno rivisto la propria informativa sulla posizione finanziaria, sul profilo di business e sulla strategia di risk management. Uno dei documenti rilevanti, che sarà prodotto annualmente, è la Relazione sulla solvibilità e sulla condizione finanziaria dell’impresa (“SFCR”), che è possibile scaricare qui.

Archivio Relazioni sulla Solvibilità e Condizione Finanziaria