Reclami


​Se il servizio offerto da Europ Assistance Italia S.p.A., il rapporto contrattuale o la gestione dei sinistri non risultassero di tuo gradimento, puoi interessare la Compagnia del  problema. Nel caso in cui l'inconveniente non dovesse essere risolto e volessi sporgere reclamo puoi compilare il form predisposto on line oppure inviarlo per iscritto a:  

Europ Assistance Italia S.p.A. – Ufficio Reclami – Piazza Trento, 8 – 20135 Milano; fax 02.58.47.71.28
pec reclami@pec.europassistance.it  - e-mail ufficio.reclami@europassistance.it.


Sarà cura dell’Ufficio Reclami – funzione aziendale incaricata dell’esame dei reclami -  provvedere a fornirti una risposta scritta, dopo aver effettuato le debite verifiche con le Linee ed i Servizi aziendali coinvolti nel caso segnalato.

Qualora non ti ritenga soddisfatto dall'esito del reclamo, o in caso di assenza di riscontro nel termine massimo di quarantacinque giorni dalla ricezione del reclamo da parte della Compagnia, potrai rivolgerti all'IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) - Servizio Tutela del Consumatore - via del Quirinale, 21 - 00187 Roma, corredando l'esposto della documentazione relativa al reclamo trattato dalla Compagnia. In questi casi e per i reclami che riguardano l'osservanza della normativa di settore da presentarsi direttamente all'IVASS, nel reclamo deve essere indicato:  • nome, cognome e domicilio di chi sottopone un reclamo, con eventuale recapito telefonico;

• individuazione del soggetto o dei soggetti di cui si lamenta l’operato;

• breve ed esaustiva descrizione del motivo di lamentela;

• copia del reclamo presentato all’impresa di assicurazione e dell’eventuale riscontro fornito dalla stessa;

• ogni documento utile per descrivere più compiutamente le relative circostanze.

(clicca qui per il modulo reclamo IVASS)

In relazione alle controversie inerenti alla quantificazione dei danni e all’attribuzione della responsabilità, si ricorda che permane la competenza esclusiva dell'Autorità Giudiziaria, oltre alla facoltà di ricorrere a sistemi alternativi di risoluzione delle controversie prestati a livello normativo o convenzionale.

I sistemi convenzionali di risoluzione delle controversie sono:

- la perizia contrattuale

- l’arbitrato

I sistemi alternativi per la risoluzione delle controversie previsti a livello normativo sono:
- la negoziazione assistita, introdotta con la Legge n. 162/2014 in vigore dal 9.2.2015;
- la mediazione che è obbligatoria  negli ambiti individuati dalla Legge n. 98/2013 in vigore dal 20.9.2013.

Controversie in materia assicurativa sulla determinazione e stima dei danni nell’ambito delle polizze contro il rischio di danno

In caso di  controversia relative alla determinazione e stima dei danni è necessario ricorrere alla perizia contrattuale prevista dalle condizioni di polizza per la risoluzione di tale tipologia di controversie, indirizzando la tua istanza di attivazione della perizia contrattuale o di arbitrato  all’Ufficio Liquidazione Sinistri all’Ufficio Liquidazione Sinistri – Piazza Trento, 8 – 20135 Milano, a mezzo raccomandata a.r. oppure pec all’indirizzo sinistri@pec.europassistance.it.

Se si tratta di controversie nell’ambito di polizze contro il rischio di danno nelle quali sia già stata espletata la perizia contrattuale oppure non attinenti alla determinazione e stima dei danni, ti ricordiamo che la legge prevede la mediazione obbligatoria, che costituisce condizione di procedibilità, con facoltà di ricorrere preventivamente alla negoziazione assistita.

Controversie in materia assicurativa su questioni mediche

In caso di controversie relative  a questioni mediche relative a polizze infortuni o malattie, ti ricordiamo la necessità di ricorrere all’arbitrato previsto dalle condizioni di polizza per la risoluzione di tale tipologia di controversie, indirizzando la tua istanza di attivazione della perizia contrattuale o di arbitrato  all’Ufficio Liquidazione Sinistri – Piazza Trento, 8 – 20135 Milano, a mezzo raccomandata a.r. oppure pec all’indirizzo sinistri@pec.europassistance.it.

Se si tratta di controversie nell’ambito di polizze contro gli infortuni o malattie nelle quali sia già stato espletato l’arbitrato oppure non attinenti a questioni mediche, la legge prevede la mediazione obbligatoria, che costituisce condizione di procedibilità, con facoltà di ricorrere preventivamente alla negoziazione assistita.

 

 

Rendiconto annuale